Vai al contenuto
Home » Blog » SPORT E SOLIDARIETÀ, LA FISPIC DI NUOVO IN ETIOPIA

SPORT E SOLIDARIETÀ, LA FISPIC DI NUOVO IN ETIOPIA

Dall’8 al 12 gennaio corsi di formazione per tecnici locali e attività sportive per 70 bambini di un istituto scolastico per non vedenti

Prosegue il progetto “Ethiopian Sport initiative for Blinds and visually impaired”, promosso dalla Federazione italiana sport paralimpici per ipovedenti e ciechi (Fispic) e dall’associazione Increasing people opportunities (Ipo). Dopo il viaggio di un anno fa a Soddo, i tecnici federali tornano di nuovo in Etiopia per promuovere la diffusione della pratica sportiva tra i bambini ciechi e ipovedenti di Sebeta, sobborgo situato nella periferia della capitale Addis Abeba.

Gli allenatori Nicola Santagata (Showdown), Giovanni Avallone (Calcio) e Antonio Di Giovine (Torball), accompagnati da Renato Tomei, Responsabile attività internazionali Fispic, dirigeranno un Camp di formazione per circa 70 bambini, bambine, ragazzi e ragazze, di età compresa tra i 10 e i 20 anni, all’interno di un istituto scolastico per non vedenti. La Fispic, in collaborazione con l’Unione ciechi d’Etiopia (Enab) e la Ipo aps, fornirà il materiale tecnico e gli equipaggiamenti necessari per fare sport.

Gli appuntamenti prenderanno il via lunedì 8 e si concluderanno venerdì 12 gennaio. Al mattino i tecnici federali svolgeranno un programma di formazione per gli aspiranti allenatori locali, mentre il pomeriggio sarà dedicato all’attività sportiva con il coinvolgimento delle classi maschili e femminili. I rappresentanti della Fispic sono arrivati a Sebeta domenica 7 gennaio, giorno in cui in Etiopia si festeggia il Natale. Non poteva esserci un momento migliore per dare vita alla nuova iniziativa della Federazione che, come è accaduto l’anno scorso, regalerà sorrisi e tanto divertimento ai bambini etiopi.

Venerdì 12 gennaio è in programma l’evento finale con la partecipazione delle autorità locali e dell’ambasciata italiana in Etiopia.

Skip to content