Vai al contenuto
Home » Blog » SPORT E SOLIDARIETÀ, SI CHIUDE LA SECONDA FASE DEL PROGETTO ETIOPIA

SPORT E SOLIDARIETÀ, SI CHIUDE LA SECONDA FASE DEL PROGETTO ETIOPIA

Sport, emozioni e tanto divertimento. A Sebeta si è concluso il Camp di formazione organizzato dalla Federazione italiana sport paralimpici per ipovedenti e ciechi (Fispic) e dall’associazione Increasing people opportunities (Ipo).

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto chiamato “Ethiopian Sport initiative for Blinds and visually impaired” iniziato nel 2023 con il Camp organizzato nella città di Soddo. Quest’anno, invece, l’evento di è svolto a Sebeta, città situata nella periferia della capitale Addis Abeba, e oltre 70 bambini, bambine, ragazzi e ragazze di un istituto scolastico per non vedenti hanno avuto la possibilità di giocare a Calcio, Torball e Showdown.


La Fispic, presente con Renato Tomei, Responsabile attività internazionali, e gli allenatori Giovanni Avallone (Calcio), Antonio Di Giovine (Torball) e Nicola Santagata (Showdown), in collaborazione con l’Unione ciechi d’Etiopia (Enab) e la Ipo aps ha fornito il materiale tecnico, gli equipaggiamenti necessari per fare sport guidando il programma di formazione per gli aspiranti allenatori. Venerdì 12 gennaio si è svolto l’evento di chiusura a cui hanno partecipato gli amministratori e i dirigenti sportivi etiopi e il rappresentante dell’ambasciata italiana Alessandro Faraoni. Nel corso della giornata ci sono state dimostrazioni di Torball, Showdown e due partite di Calcio.


L’obiettivo del Camp è diffondere la pratica sportiva tra i bambini non vedenti e ipovedenti dell’Etiopia, uno dei Paesi con i tassi di cecità e ipovisione più alti del mondo nella popolazione infantile. “Siamo felici di essere tornati in Etiopia per dare la possibilità ai giovani di fare sport e divertirsi”, ha detto il Presidente della Fispic Sandro Di Girolamo. “Ringrazio gli allenatori Avallone, Santagata, Di Giovine e il Responsabile delle attività internazionali Tomei per l’impegno, l’Ipo e l’Unione ciechi d’Etiopia con cui dall’anno scorso abbiamo instaurato una proficua collaborazione. In futuro la Fispic intende proseguire il proprio impegno per regalare momenti di gioia ai bambini e alle bambine che hanno la necessità di fare sport”.

Skip to content